SiteJornalOlhodeAguia
Noticias
26/09/2016 14:17
"Revogo" de André Lionh no FESTIVAL DELLA FOTOGRAFIA ÉTICA.
 Nel 2016, la CCSP-JP, una ONG messicana, ha pubblicato la classifica delle 50 città più violente al mondo. Tutte le 50 peggiori città tranne 8, si trovano in America Latina e 19 sono in Brasile. Numeri che gelano il sangue anche considerando solo il Brasile, dove lo scorso anno gli omicidi sono stati 60.000.FONTE!http://www.festivaldellafotografiaetica.it/

 

 

La polizia ha ucciso una media di 6 persone al giorno e la violenza è triplicata.

Solo in Siria la situazione è peggiore, mentre negli ultimi tre anni con 172.000 omicidi il Brasile da solo ha superato tutti i morti ammazzati di 12 paesi come Iraq, Sudan, Afghanistan, Colombia, Congo, Sri Lanka, India, Somalia, Nepal, Kashmir, Pakistan ed Israele.

Secondo la “Mappa della violenza: Omicidio e giovani in Brasile”, la violenza tra i giovani brasiliani è aumentata negli ultimi tre decenni. Tra il 1980 ed il 2011, le morti violente di adolescenti – causate da incidenti, omicidi e suicidi – sono cresciute del 207,9% e, se consideriamo solo gli omicidi raggiungiamo il 326,1%.

È la droga ad avere reso le  favelas brasiliane un inferno, con milioni di esseri umani costretti a viverci senza fognature, in ostaggio di uno stato assente o, peggio, complice delle gang che si contendono l’enorme mercato degli stupefacenti. Ogni giorno giovanissimi affiliati alle gang, nonché i loro parenti ed amici, vengono coinvolti in sanguinose vendette che provocano morti non solo tra i civili, ma anche tra le forze dell’ordine che cercano di arginare un’ondata di violenza che ormai sembra inarrestabile.

Parallelamente a ciò che succede nelle favelas, negli ultimi anni si sono moltiplicate le manifestazioni dei cittadini ormai estenuati dalle enormi carenze nei servizi pubblici e dall’aumento delle tasse causato anche dall’organizzazione di grandi eventi come i mondiali di calcio e i Giochi Olimpici, manifestazioni che molto spesso vengono sedate dalle forze dell’ordine con un eccessivo uso della forza.

“In Brasile la possibilità di morte violenta è presente nella vita di ognuno. In ogni momento, in ogni luogo, indipendentemente da quanti soldi tu abbia”.

Testo di André Liohn

Link:
http://www.prospektphoto.net/stories/revogo/

ritratto_liohn

André Liohn è cresciuto a Botucatu, Brasile. A 20 anni si trasferì a Trondheim, Norvegia, dove ha vissuto per 15 anni. Iniziò a fotografare all’età di 30 anni e poco dopo conobbe il fotografo ceco Antonín Kratochvíl, che divenne suo amico e mentore, influenzando il suo lavoro ed il suo approccio fotografico.

Nel 2011 André divenne il primo fotogiornalista Latino-Americano a ricevere la prestigiosa Robert Capa Gold Medal dall’Overseas Press Club per il suo lavoro sulla guerra civile libica ed è stato nominato per il Prix Bayeux-Calvados des Correspondants de Guerre. Il suo lavoro didocumentazione dei pericoli affrontati dal personale medico nelle zone di conflitto, è stato utilizzato dal ICRC’s Health Care in Danger project per denunciare le situazioni di violenza in cui gli operatori sanitari operano abitualmente nel mondo.

Nel 2012, con i suoi colleghi Christopher Morris, Jehad Nga, Bryan Denton, Lynsey Addario, Eric Bouvet e Finbarr O’Reilly, ha creato il progetto ADIL – Almost Dawn in Libya, quattro mostre fotografiche nelle città libiche Tripoli, Benghazi, Misurata e Zintan utilizzando il fotogiornalismo come possibile mezzo di riconciliazione dopo la guerra civile.

André collabora con l’agenzia di fotogiornalismo con base a Milano, Prospekt e le sue fotografie sono state pubblicate da Der Spiegel, The New York Times, Newsweek, The Guardian, El Pais, Le Point, Time, La Repubblica, L’Espresso, Panorama, Status, Die Welt, Stern, A Magasinet, Estado de Sao Paulo, Folha de Sao Paulo. I suoi video sono stati spesso trasmessi su BBC, CNN, Al Jazeera english, RAI, NRK, ITV, SBT, Der Spiegel TV, RTL, France 24.

Link:
http://www.prospektphoto.net/authors/andre-liohn/

Link:
0 Comentários | Escrever comentário

 

Rua Augusta - Emicida


Joe Satriani - Always with me, always with you


Jeff Beck - A Day in A Life


 

 

 

Thalyta Ribeiro de Oliveira Incrível seus projetos, tanto de fotografia, quanto com a galeria e as produções audiovisuais. Apenas continue!!
Contador de Visitas
Hoje: 241
Desde 15/05/2011: 5.711.095
você é a favor do impeachment de Bolsonaro? Vote.
n
sim